madagascar

La mia isola nell'Oceano Indiano !

cosa vedere in Madagascar


Per me il Madagascar è la terra dei sogni, l'isola che per la sua posizione isolata ha sviluppato delle peculiarità incredibili, che solo qui si possono trovare. Partire per questa destinazione significa voler scoprire un mondo a parte, una realtà staccata e parallela, un altro dove che ti catturerà e ti farà lasciare l'isola a fatica. Poco importa se visiterai il Sud, l'Est, l'Ovest o il Nord... ovunque andrai, il Madagascar lo sentirai dentro!


Il mio consiglio? Se hai pochi giorni e vuoi mixare viaggio e relax il Nord fa per te! E' un vero e proprio concentrato dell'intera isola: lemuri, camaleonti, foresta pluviale, cultura malgascia, tsingi, baobab, spiagge, snorkeling, trekking, immersioni e mare attivo.


Se invece hai più tempo e desideri un viaggio su misura più impegnativo, dove raggiungere le località rappresenta già metà del divertimento, hai tutto il resto dell'isola! Da Nord a Sud l'avventura è assicurata: Antananarivo, Nosy Be, Morondava, Ile Sainte-Marie, Parco Nazionale Tsingy di Bemaraha, Parco Nazionale dell'Isalo, Antsiranana, Parco Nazionale di Andasibe-Mantadia, Parco Nazionale di Ranomafana, Antsirabe, Riserva speciale dell'Ankara, Fianarantsoa, Parco nazionale di Andringitra.


Infine non aspettarti il lusso (anche dove sembra esserci...): il Madagascar a livello turistico è ancora molto indietro ed è uno dei paesi più poveri dell'Africa. Ci vuole una buona dose di spirito d'adattamento ma con un'organizzazione locale attenta (Niri, Elena e Andrea sono i miei pilastri), una selezione delle guide locali (che vengono continuamente formate), delle sistemazioni e di tutti i servizi il tuo viaggio in Madagascar si trasformerà in una esperienza unica e piacevole! Ti faremo venire la voglia di tornarci!


 

Destinazioni_Africa_Madagascar_Parco Isalo_davide guglielmi_contemporary art of travel Destinazioni_Africa_Madagascar_Donna_davide guglielmi_contemporary art of travel Destinazioni_Africa_Madagascar_Tsingy_davide guglielmi_contemporary art of travel

madagascar: da sapere

 

  • Il Madagascar è perfetto per chi ama la natura in tutte le sue forme e per chi vuole entrare in contatto con la realtà locale. Una fauna ed una flora uniche, un mare da fiato sospeso ed un ricco menù di attività da provare sul campo.
     
  • Dall'Italia è possibile raggiungere il Madagascar con diverse compagnie aeree di linea con scali in città europee o africane. Il Nord è raggiungibile anche con voli charter.
     
  • Considerando il tempo per raggiungere la destinazione, consiglio viaggi di almeno 7 notti. 18/20 giorni sono sufficienti se si vuole esplorarla a fondo.
     
  • Il visto d’ingresso viene rilasciato all’arrivo, all’aeroporto internazionale di Antananarivo o di Nosy Be. La tariffa per soggiorno inferiore a 30 giorni è di 80.000 ariary (circa 25 euro al cambio attuale, variabile in base a cambio giornaliero) - da pagare in contanti all’arrivo in aeroporto, in euro o in ariary.
     
  • Nessuna vaccinazione è obbligatoria dall'Italia; il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatorio per i viaggiatori provenienti dai Paesi a rischio di trasmissione della malattia.
     
  • Sconsiglio vivamente il noleggio privato di veicoli per viaggiare in libertà. Il Madagascar non è un paese ancora strutturato per questo tipo di viaggio self-drive e la condizione delle strade è pessima. Si rischierebbe di rovinare il proprio soggiorno e di perdere molto tempo.
     
  • Data la grandezza del paese per raggiungere le diverse aree consiglio l'utilizzo di voli aerei (però decisamente cari). La compagnia di bandiera collega diverse città quasi sempre via Antananarivo.
     
  • La lingua ufficiale è il malgascio. Il francese è la seconda lingua del paese e la maggior parte della popolazione lo parla correttamente. L’inglese inizia ad essere parlato dai giovani.
     
  • Il Madagascar è a + 2 ore rispetto all'ora solare italiana, solo +1 ora durante l’ora legale italiana.
     
  • La cucina malgascia è semplice e si basa sui prodotti freschi di campagna o di mare, sulle spezie profumate di cui il Paese è eccellente produttore, sulla squisita frutta tropicale.

quando andare in madagascar

 

  • In Madagascar le stagioni sono invertite rispetto all'Italia. Da dicembre a fine marzo/inizio aprile molte zone sono inaccessibili a causa delle piogge tropicali e dei cicloni che colpiscono l'isola: in estate l'umidità fa da padrone. Da aprile e fino a giugno è ancora umido e caldo ma le piogge diminuiscono drasticamente, il colore verde è ovunque e i paesaggi sono straordinari. Da luglio fino a novembre il clima è secco e la temperatura è più fresca ma sicuramente è il periodo più adatto a programmare un viaggio.

 

eventi in madagascar

 

  • Da giugno a luglio si può assistere al passaggio delle balene vicino all'isola di Saint Marie.

 

hotel in madagascar

 

  • Le sistemazioni alberghiere in Madagascar sono di livello molto variabile (da buono a spartano) a seconda delle località; la classificazione locale non corrisponde agli standard internazionali. Alcune strutture si possono ritenere di alto livello ma ancora ben lontane dal concetto di lusso e comfort a cui siamo abituati in altre destinazioni.

 

madagascar: guida prezzi

 

  • a partire da 180-250 EUR a persona, al giorno. In genere questo include tutti gli hotel, i voli regionali, i trasferimenti via terra, le escursioni guidate e gli ingressi, alcuni pasti, i servizi di pianificazione del viaggio e il supporto. Non implica i voli da/per l'Italia, servizi/hotel di lusso, l'assicurazione, la gestione della pratica e tutti i supplementi opzionali (es. camera singola).


 

Destinazioni_Africa_Madagascar_Lemure_davide guglielmi_contemporary art of travel Destinazioni_Africa_Madagascar_baobab_davide guglielmi_contemporary art of travel Destinazioni_Africa_Madagascar_camaleonte_davide guglielmi_contemporary art of travel

itinerari in madagascar: luoghi da visitare e tour consigliati


• Madagascar del Nord: tutta l'isola per Voi
Un piccolo ma “grande” itinerario del Nord. 4/5 o 7 giorni in loco a cui aggiungere qualche notte di mare con indimenticabili escursioni giornaliere: il Parco Nazionale dell’Ankarana Est, Ramena, villaggio tradizionale di pescatori dove gustare specialità di pesce circondati da un ricco giardino tropicale, le baie di Diego Suarez in 4x4, il Parco Nazionale de La Montagne d’Ambre e il Canyon degli Tsingy Rouge.


• L'Ovest: spedizione verso gli Tsingy de Bemaraha
Tanti chilometri su piste sabbiose e dissestate, dall'altopiano centrale alla costa per raggiungere Bekopaka da cui si effettuerà l'escursione ai Grandi Tsingy (Patrimonio Unesco): si camminerà attraverso “cattedrali” di calcare, per raggiungere piccoli belvedere, che sormontano una foresta di guglie alte da 10 a 20 metri, e splendide grotte. Prima di raggiungere Morondava, il “Viale dei baobab” al tramonto vi incanterà.


• L'Est: verde e acqua
Un incontro ravvicinato con alcune delle specie endemiche più particolari del Madagascar: dai simpatici lemuri Indri Indri ai fossa, camaleonti e rettili, felci arborescenti, licheni, orchidee, piante medicinali, liane sacre tipiche come il “Ravinala”, o albero del viaggiatore, ed il “Vakona”... Arrivati sulla costa si attraverseranno villaggi caratteristici dove l'atmosfera è molto calma e rilassata, e canali le cui rive sono spesso affollate di pescatori, piroghe e qualche bagnante. Qui piante acquatiche, foreste e dune di sabbia fanno da contorno. Da Tamatave è d'obbligo una tappa all'isola di Sainte Marie per un soggiorno mare, soprattutto in epoca di balene (da giugno a luglio).


• Il Sud: il classico lungo la RN7
In viaggio da Antananarivo a Tuléar lungo l'altopiano centrale passando per paesaggi sempre diversi e visitando due dei Parchi Nazionali più conosciuti del Madagascar. Il Parco Ranomafana, una magica foresta pluviale molto densa e a bassa altitudine, ricca di varie specie di piante e fauna endemiche, ed il Parco dell'Isalo caratterizzato da massicci di arenaria, piscine naturali, gole scolpite e profondi canyon che formano suggestive ambientazioni.

tempistiche di prenotazione in madagascar


Prenotare con largo anticipo è sempre molto importante. Lo sai che per esempio americani, inglesi, canadesi ed australiani prenotano le loro vacanze su misura almeno 12 mesi prima? Perché lo fanno? Intanto i voli si trovano decisamente a prezzi più bassi e quando le tratte sono lunghe e ti portano lontano ovviamente si risparmia parecchio; in secondo luogo si hanno molte più opzioni fra cui scegliere (vuoi la camera con vista? o quella meglio ubicata? sei interessato alla cabina con finestra piuttosto che a quella con oblò? vuoi la guida che parla italiano?) e non devi soltanto accontentarti di quello che è avanzato...Infine si possono strappare delle condizioni più vantaggiose (hai mai sentito parlare di early booking?). Non voglio metterti fretta, lo sai, ma il mio consiglio è di prenotare con anticipo, soprattutto se puoi muoverti soltanto in altissima stagione. Quindi pensa già a programmare il tuo viaggio in Madagascar, le garanzie assicurative a copertura dell'annullamento viaggio sono fatte apposta! Se invece dovrai aspettare fino all'ultimo per la prenotazione del tuo viaggio personalizzato Davide Guglielmi - Contemporary Art of Travel cercherà di aiutarti e metterti a disposizione tutto il suo know-how.

Ho ispirato la tua voglia di viaggiare in madagascar ?

Contattami subito

Articoli relazionati

Madagascar per tutti

Soltanto 5 tipi di viaggiatore dovrebbero visitare il Madagascar? Io ve li elenco ma sappiate che è aperto a tutti!

viaggio in Madagascar nord nosy be
visitando il Madagascar si può incontrare pachypodium
viaggiare in Madagascar è un'esperienza unica, incontro con donna malgascia e fotografia